Roffia.it



Partnership

Corin
Partnership

Ecomas
Azienda di riciclaggio materiale inerte e rimozione eternit
Certificazioni

Sincert
Certificazione ISO 9001:2000




Roffia.it

Roffia.it

Provincia Mantova


Appalti Provinciali .   Immagini .  Appalti Provinciali ^


Il tronco di collegamento tra Marmirolo e Marengo rientra nel più ampio progetto del sistema ciclopedonale Mantova-Peschiera, un progetto che mira a collegare il Lago di Garda alla città di Mantova per mezzo di un tracciato riservato ai soli ciclisti e pedoni. 
Tale percorso ciclopedonale riveste notevole importanza per i ciclisti “locali”, perchè ha l’obiettivo di diventare un’importante arteria di collegamento, per tutti i turisti in villeggiatura sul Lago di Garda, con la città di Mantova, indiscutibile meta turistico-monumentale. Inoltre, il progetto rientra a pieno titolo negli intendimenti della Comunità Europea di creare una percorribilità “unitaria” su vasta scala di tipo ciclabile che collega “verticalmente” da nord a sud Malta a Capo Nord.
Questo tracciato, che si sviluppa in buona parte lungo il fiume Mincio ha una valenza ambientale di rilievo ed è destinato a una salvaguardia assai restrittiva, visto che il territorio è tutelato dall’ente Parco Naturale del Mincio.
Questo progetto, che prolunga per circa 6 Km il sistema ciclopedonale nel cuore della provincia mantovana (da Marengo a Soave), conclude di fatto il tratto ciclopedonale tra Mantova e Peschiera. L’intervento è consistito nella riqualificazione della strada alzaia (argine del Diversivo del Mincio) con la realizzazione di una idonea ed agevole pavimentazione.
Il tratto ciclopedonale, che collega Marmirolo a Marengo, è stato parzialmente realizzato in campagna su terreno agricolo (per 1323 m circa). Questo percorso si è sviluppato dapprima su una strada comunale asfaltata e poi, nella parte finale, su nuova sede stradale.
Questo ultimo tratto ha due tipologie di fondazione stradale: la prima (due tratti di 832 m circa) è stata costruita in una condizione di terreno vegetale mosso, dove il pacchetto di fondazione (realizzato con materiale recuperato da demolizioni edili, che compattato da la necessaria resistenza strutturale) è stato di circa 20 cm sotto il piano di campagna; la seconda è stata realizzata dove esiste già una capezzagna (di lunghezza 491 m) e quindi lo spessore della fondazione stradale è stato ridotto, visto il terreno ben costipato. Anche in questo caso il piano di posa è stato regolato con mezzi autolivellanti.
Tutto questo percorso è stato pavimentato con binder spessore 5 cm. Sono stati inoltre previsti due scavalcamenti di un fosso con tubi in C.A. precompresso prefabbricati e un vero e proprio manufatto in C.A. per superare una doppia canaletta di irrigazione. L’andamento di questo pezzo di tracciato ha seguito gli elementi idrografici che il territorio presenta.
Le sezioni tipo trasversali presentano un nastro bitumato di larghezza 3,00 m per tutto il tracciato che permettono un agevole flusso nei due sensi da parte dei ciclisti.



Appalti Provinciali
successivo: Provincia di Monza e Brianza (MB)



Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]